Empoli alla pari per un quarto, poi Pielle prende il pallino del gioco: 88-72

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0

PIELLE LIVORNO – PALLACANESTRO EMPOLI 88-72 (19-19 / 47-40 / 68-52)

Pielle Livorno:Massolini 7, Bertolini 3, Burgalassi 5, Malvone 15, Toppo 11, Cianetti, Capobianchi, Bianchi, Dell’Agnello 27, Benini 15, Venditti 5. All. Da Prato

C.S. Pall.Empoli: Mencherini 14, Scali 18, Baroncelli 17, Balducci 5, Gouadjio 2, Cervigni 2, Falchi 14, Barbetta, Maiolini, Bondi’. All.Paludi

Arbitri: Biancalana e Toscano

Pallacanestro Empoli che arriva al Palamacchia senza gli infortunati Mencherini Leonardo, Doveri, Gasperini e Paci, prova a contrastare la scorsa vincitrice del campionato di C Gold e nel primo quarto da anche l’impressione di potersela giocare, con lunghi tratti dove i biancoblu’ tengono testa ai labronici che pareggiano nei secondi finali del quarto, poi i cambi risicati e la fatica che comincia a farsi sentire. La nostra panchina è imbottita di under 20 a differenza dei nostri avversari che possono contare su cambi decisamente di  maggior esperienza cosa che alla lunga si è rivelata la vera trama del match, sebbene all’intervallo lungo fossimo ancora in piena partita sul 47-40. Nella ripresa la situazione falli e la grossa fatica hanno fatto si che mancasse aggressivita’ e lucidita’ necessaria e per i padroni di casa è diventato tutto piu’ facile, terzo quarto terminato sotto di 16 e finale altrettanto. Al termine abbiamo analizzato la partita con il vice Mostardi:Sicuramente abbiamo avuto delle difficolta a rimbalzo con l’assenza di un lungo, nonostante tutto ci siamo giocati la partita…. non siamo stati pronti sulle rotazioni difensive sopratutto nella prima parte di gara lasciando troppi tiri aperti, a metà gara eravamo ampiamente in partita, nel secondo tempo abbiamo forzato un pô di situazioni quando siamo tornati a meno 6, poi gli ultimi minuti abbiamo smesso di giocare, metti anche una bassa percentuale ai liberi ed ecco fatta il quadro. “ Ricetta per essere piu’ competitivi? “Un lungo e un play, perche’ cosi’ è davvero dura.”

Dancan

Posted in Prima Squadra.